Il lato oscuro che rivuole la scarsità: editoria, mercati e rete 

Registro l’urlo di dolore dell’ottimo Antonio Tombolini che condivide su Friendfeed il post dal titolo assai parlante La conferma da 3Italia: navigare sui siti mobile di Corriere della Sera e Repubblica costa 0,09€ a pagina.

In effetti in tutto questo discutere di paywall et similia, si rischia di perdere di vista una distinzione importante tra le strategie editoriali in atto, ovvero fra a) un onda positiva di investimento/ricerca di nuovi formati/occasioni che cerca di ristabilire un mercato per l’informazione online a partire dal paradigma proprio della rete, ovvero l’abbondanza e b) un ‘lato oscuro’ che invece cerca di ristabilire artificiosamente un regime di scarsità sul quale far rivivere i propri prodotti tradotti in bit. Questo lato oscuro ha un grande alleato, le reti mobili, che hanno da sempre un modello assai diverso, ovvero assai ‘scarso’ per gli utenti, sebbene apparentemente vantaggioso per le aziende: sono le uniche reti dove l’utente è sottoposto incessantemente al proprietario della rete. Apparentemente dicevamo, però: se non distribuisci suonerie per cellulari e oroscopi, non vai lontano, specie a 9 centesimi a pagina.

._

Tagged: antonio tombolini, reti mobili, valore